fbpx

L’estate col suo calore, i suoi tramonti, le giornate al mare, le vacanze, è lo scenario perfetto per amori ed infatuazioni. La mente è sgombra un po’ più del solito. Ci si trova rilassati, divertiti, magari in vacanza in posti mai visti prima, in mezzo a persone sconosciute con una strana adrenalina addosso e tanta voglia di lasciarsi andare. Ed ecco che in un attimo può cambiare tutto. Quel famoso sguardo che si posa su di una persona ed il resto del mondo che si ferma, sparisce, perde di senso.

In molti raccontano d’aver provato questa sensazione, il famigerato colpo di fulmine che – spesso proprio nella stagione estiva – piega tutti i pensieri attorno ad un’unica persona della quale sia crede già di non poter fare più a meno. Ma quanto c’è di vero in questa sensazione? Quanti amori estivi, passionali e travolgenti si consumano con la stessa velocità con la quale sono cominciati? E quanti altri, invece, cominciati in vacanza durano poi tutta una vita? Ognuno porta in cuor suo le proprie esperienze, i propri ricordi. Non sono possibili generalizzazioni quando si tratta d’amore. Tuttavia, qualche riflessione comune ci può essere. Esistono persone che affrontano gli amori estivi con la consapevolezza che siano passeggeri. La situazione tipica dell’addio dopo i giorni trascorsi assieme, il “ti scriverò” strappato come promessa che poi si sa di non voler mantenere, diventano situazioni superate ed inutili se entrambi accettano che si è trattato di una storia passeggera. Qualcun altro porta il ricordo di quelle sensazioni per tutta la vita, magari anche confrontando quell’ amore forte e mai pienamente appagato con quelli avuti poi negli anni successivi. E quanta frustrazione ne può derivare!Senza sfociare troppo nel disincanto, è innegabile affermare che l’amore è forte e vero quand’è capace di affrontare il tempo rimanendo stabile e radicato. Se l’amore estivo è solo un fuoco di paglia che poi si estingue, per quanto intenso lo si possa essere creduto, resta limitato nel tempo e svuotato dai sentimenti. Non si rinuncia a qualcosa che si vuole davvero.

Gli amori estivi, per loro natura, durano poco, giusto il tempo dei primi giorni, dei primi approcci, proprio quelli che si sa essere più intensi. Si può confrontare il brivido delle prime volte assieme col piacere di tutta una vita condivisa? Sono piaceri diversi. Esigenze diverse.Di certo ci si può conoscere qualcuno ed innamorarsene d’estate, decidendo poi di non dividersi mai più.Ma quando vi lasciate andare alla passione della calda stagione, assicuratevi che il partner su cui avete posato gli occhi, abbia le vostre stesse aspettative. D’altro canto si sa che d’estate è anche facile scottarsi…

Caterina De Bellis

conquistare-al-mare